Blog

Pavimenti in graniglia

03 Apr Pavimenti in graniglia: quando antico e moderno s’incontrano

La graniglia, o cementina, è un materiale che nasce dalla tradizione popolare e che racconta storie di tempi di riciclo e di riuso, in cui era necessario utilizzare prodotti poveri per poter costruire la propria casa. È proprio dagli scarti delle lavorazioni di marmo e pietre che nasce la mattonella e in graniglia.

La storia di questo materiale parla di antiche tradizioni e stagioni passate, dando la possibilità alle più moderne tecnologie di avvalersene per creare pavimenti in graniglia di alto pregio, oggi conosciuti in tutto il mondo. Una bellezza speciale che ha le sue radici più profonde nella semplice necessità.

Marmetta di graniglia: una storia lunga secoli

Nata alla fine del XIX secolo, probabilmente la “marmetta” in graniglia, intesa come rivestimento per il pavimento, ha origine proprio nelle Marche, dove veniva, secondo fonti storiche, prodotta da una comunità di frati. Scelta non solo per il suo costo esiguo, oltre a garantire durevolezza e robustezza, poteva arricchire ogni ambiente con il suo pregio estetico, fino ad arrivare, dalla vecchia tradizione del riciclo, ad essere utilizzata per pavimentare palazzi e altre bellezze architettoniche.

Tecnologia: una marcia in più

È una questione di strati: grazie soprattutto alle nuove lavorazioni, l’innovazione ha permesso di garantire la massima resa di un elemento già di per sé estremamente completo e ricco. Se in precedenza le mattonelle erano composte da uno strato nobile, superficiale e colorato e uno, in cemento grigio, posto sul retro e chiamato “sottofondo” (perché? Lo strato inferiore garantiva l’assorbimento dell’acqua in eccesso che fuoriusciva dallo strato nobile in fase di posatura), oggi le cementine sono composte da un solo strato, quello nobile, e le tecnologie all’avanguardia permettono di espellere l’acqua tramite una differente capacità di pressatura delle mattonelle.

I risultati tecnici ed economici? Vantaggiosi per il cliente: non solo si dimezzano i costi di traposto, ma la posa, che garantisce una pressatura maggiore, può avvenire anche a colla con una superficie prelevigata evitando la levigatura una volta posata.

La lunga tradizione delle graniglie ha dato alle più moderne tecnologie la possibilità di avvalersene per creare pavimenti di alto pregio

Graniglie, cementine… questo particolare e solido elemento ha tanti nomi, ma quello che lo precede è sicuramente la sua storia: così articolata e così importante per comprenderne a tutti gli effetti le garanzie e i benefici. Un materiale unico per il vostro pavimento, la cui forza nasce dell’esigenza, si sviluppa nella tradizione e ritorna a splendere attraverso la tecnologia. Contattateci per maggiori informazioni.

Leggi tutto
Pietra piasentina

22 Mar Pietra piasentina: utilizzo tra unicità e versatilità

Tra le differenti tipologie di pietra esiste questa varietà non troppo conosciuta ma dall’enorme potenziale, sia estetico che funzionale. La pietra piasentina, una roccia calcarea porosa che si estrae in grandi blocchi attraverso l’escavazione, è una rarità materica e molto versatile, da poter destinare ad ambienti diversi e varie forme d’impiego, per ottenere risultati sorprendenti.

Perché si chiama “piasentina”?

Si presenta in trovanti inframmezzati a terreno argilloso ed è una gemma tutta friulana: è infatti possibile trovarla solamente in una ristretta zona delle Prealpi Giulie. È proprio dalla tradizione del Friuli che deriva il suo nome: a Udine la chiamavano “pietra che la piase” (“pietra che piace” in italiano), proprio per sottolineare le sue importanti qualità e il successo che riscuoteva.

Come può essere impiegata?

Il primo utilizzo della pietra piasentina risale all’epoca romana, quando veniva impiegata per la creazione di opere scultoree e di architettura. Oggigiorno, a distanza di secoli, è conosciuta in tutto il mondo e adottata per la costruzione di pavimentazioni, piani o anche semplici decorazioni, piccole parti di un tutto ad esempio, in base a vari fattori: la necessità, la possibilità, il gusto e la percezione.

Perché sceglierla?

  • Il colore unico. Ci sono ragioni validissime per optare per questa pietra, che, all’estrazione, appare di colore grigio con delle venature bianche e alcuni fugaci guizzi bruni. Non viene smaltata, perciò le variazioni cromatiche che si possono riscontrare e che permettono di scegliere tra alcune varianti, dipendono solo ed esclusivamente dal processo di levigazione (per ottenere un prodotto che sia lucido/fiammato/spazzolato).
  • L’unicità. È un materiale raro, prezioso e unico nel suo genere, non esiste una pietra simile in natura, così eccezionale dal punto di vista tattile, visivo e abbastanza resistente da poter essere utilizzata, oltre che per usi comuni, per rivestire edifici o ancora, come un tempo, per la creazione di opere d’arte.
  • La garanzia. Grazie al riconoscimento “Marchio Collettivo Europeo” le caratteristiche geologiche e meccaniche, la costituzione petrografica, la provenienza e l’autenticità vengono mantenute e certificate.
Pietra piasentina, un materiale nobile, una scelta forte, elegante e durevole.

La materia è l’essenza della natura nell’utilizzo che ne facciamo tutti i giorni. Ancor di più, quando la materia proviene direttamente dal cuore della terra il legame che ne scaturisce è profondo. State pensando di utilizzare della pietra piasentina per la vostra casa? Una scelta forte, elegante e durevole che saprà portare un pezzo raro di mondo in casa vostra. Parlatene con noi.

Leggi tutto
promozione parquet "I Magnifici 7"

17 Mar Sono arrivati i Magnifici 7. Da 27 € al mq!

… Insieme alle sette  magnifiche finiture su un’unica tipologia di legno, il ROVERE, che la Geos propone per la sua nuova promozione. Un legno di origini europee certificate che combina qualità e resistenza in un unico, elegantissimo materiale.

Johan, Olof, Gustaf, Sture, Fredrik, Ulf e Country compongono la squadra, squadra che ha in comune la sensazione di benessere e di piacere che è in grado di trasmettere a chi vive l’ambiente circostante. Di diverso ha invece le finiture, in olio vegetale naturale o verniciato, le tonalità, da molto chiaro a molto scuro, e la superficie, spazzolata oppure no, in base ai propri desideri.

I magnifici 7 offrono varie possibilità tra cui scegliere e hanno tutti una semplicità di posa e manutenzione molto elevata, oltre che una durabilità nel tempo. Ideali anche per il riscaldamento a pavimento, si possono montare sia in modo flottante che incollato.

A partire da 27 euro al mq.

I magnifici 7 sono già pronti per la posa. Per scoprirne di più venite a trovarci in negozio, la promozione durerà solo fino ad esaurimento scorte!

… Insieme alle sette  magnifiche finiture su un’unica tipologia di legno, il ROVERE, che la Geos propone per la sua nuova promozione. Un legno di origini europee certificate che combina qualità e resistenza in un unico, elegantissimo materiale.

 

A partire da 27 euro al mq.

Johan, Olof, Gustaf, Sture, Fredrik, Ulf e Country compongono la squadra, squadra che ha in comune la sensazione di benessere e di piacere che è in grado di trasmettere a chi vive l’ambiente circostante. Di diverso ha invece le finiture, in olio vegetale naturale o verniciato, le tonalità, da molto chiaro a molto scuro, e la superficie, spazzolata oppure no, in base ai propri desideri.

I magnifici 7 offrono varie possibilità tra cui scegliere e hanno tutti una semplicità di posa e manutenzione molto elevata, oltre che una durabilità nel tempo. Ideali anche per il riscaldamento a pavimento, si possono montare sia in modo flottante che incollato.

I magnifici 7 sono già pronti per la posa. Per scoprirne di più venite a trovarci in negozio, la promozione durerà solo fino ad esaurimento scorte!

Leggi tutto
ristrutturazione edilizia a Jesi

01 Mar Ristrutturazione edilizia a Jesi

Si tratta di un lavoro di ristrutturazione edilizia di una abitazione unifamiliare a Jesi.

Il progetto architettonico è stato seguito dall’architetto Giancarlo Ercoli mentre la ditta Geos ha fornito i materiali per l’interno come la pavimentazione e alcuni piani del bagno, così come all’esterno il materiale per i gradoni, il pavimento e i rivestimenti.

I materiali utilizzati sono ricercati non solo per la loro bellezza estetica ma anche e soprattutto per il loro forte legame con la natura. Per quanto riguarda l’interno il pavimento è stato costituito utilizzando del legno Rovere industriale on-linee dalla tonalità naturale e trattato ad olio vegetale, un metodo non solo sicuro e resistentissimo, ma anche ecosostenibile. Lo stesso parquet in Rovere è stato applicato anche come rivestimento della scala interna, creando sorprendenti effetti di luce ed ombra in base all’esposizione solare.

In combinazione con il pavimento in legno industriale di Rovere è stata utilizzata la pietra Piasentina fiammata e spazzolata, applicata alla struttura del pavimento. La pietra Piasentina è una materia forte, che nasce come roccia sedimentaria calcarea, perfettamente adatta all’utilizzo in ogni ambiente sia per la sua durevolezza che per il suo valore estetico. Questa pietra è infatti caratterizzata da delle venature bianche che solcano il colore grigio naturale. Le varie lavorazioni inoltre rendono possibile la creazione di differenti cromie, da tonalità più chiare ad altre più scure. Della stessa pietra Piasentina sono realizzate anche le soglie degli infissi, finestre e finestroni.

Nei bagni sono stati realizzati su misura dei piani in corian con lavabo integrato. Il corian è un misto di resina e sostanze minerali naturali che si utilizza principalmente per i piani di bagno e cucina per la sua resistenza e non porosità.

Per quanto riguarda l’esterno invece sono stati ricavati dalla pietra Piasentina il pavimento, i rivestimenti e anche i gradoni.

Ristrutturazione edilizia di una residenza unifamiliare a Jesi. I materiali utilizzati sono ricercati non sono per la loro bellezza estetica ma anche e soprattutto per il loro forte legame con la natura.
Leggi tutto
ristrutturazione di un appartamento a forlì

13 Feb Ristrutturazione di un appartamento a Forlì

Il progetto di questo appartamento sito a Forlì è stato creato e diretto dall’architetto Francesca Dottori e non riguarda solamente la ristrutturazione bensì anche l’accorpamento di due unità abitative in un’unica realtà.

Una fusione può significare tante cose: condivisione, ampliamento dello spazio, maggiore comfort e anche più utilità perché le stanze possono acquistare una forma e una composizione differenti.

Il punto forte del progetto di ristrutturazione, oltre al guadagno di spazio, è stato l’utilizzo di legno per la pavimentazione di tutta la casa, bagni e cucina compresi. Nello specifico si tratta di un legno rovere prefinito trattato ad olio vegetale e posato a correre, ovvero con singoli elementi, anche di differente estensione, disposti nel senso della lunghezza, in modo da risultare sfalsati. Il rovere è un tipo di legno caratterizzato da una grande durezza e resistenza.

Difficile da scalfire, la sua durevolezza nel tempo permette di apprezzarne per anni la bellezza. Il trattamento vegetale inoltre gli consente, grazie all’utilizzo di sostanze del tutto naturali, di esprimere la sua naturalezza al massimo, con texture piacevole al tatto.

Largo uso del legno nella ristrutturazione di un appartamento a Forlì

Il legno è un materiale che modifica l’ambiente mediante la creazione di un forte effetto sensoriale, riuscendo poi a trasmettere calore non solo al tatto ma anche alla vista. Una frase recita: “vorrei dilatare all’infinito il momento perfetto a piedi scalzi sul legno”. I benefici psicofisici che possono scaturire dalla presenza del legno nelle nostre abitazioni rappresentano qualcosa di magico. In questo caso lo stesso legno è stato utilizzato per il piano della cucina e per la parete verticale del bagno al primo piano.

Il tocco finale è stato dato all’abitazione applicando un mosaico di travertino noce al rivestimento della doccia, elemento che già di per sé arricchisce l’ambiente ma che è stato ulteriormente valorizzato dall’illuminazione diffusa attraverso una veletta a soffitto. Oltre al pavimento e rivestimento anche tutti gli accessori e mobili bagno sono stati forniti dalla ditta Geos.

Leggi tutto
Gres porcellanato effetto marmo

08 Feb Gres porcellanato effetto marmo? Sì e non solo!

Spesso ci piace parlare di Gres porcellanato, un tipo di ceramica a pasta dura e compatta che nasce da un’argilla poco refrattaria. È un alleato prezioso per chi adora vivere l’ambiente di casa perché nasconde delle qualità forti che garantiscono un’elevatissima resistenza e sicurezza.

Esteticamente impeccabile nell’aspetto il gres è un materiale formidabile, che ha anche una grande versatilità. Il suo impiego nella creazione di pavimenti permette di utilizzare tutta la fantasia del caso, rendendo unico un prodotto dalle mille sfaccettature. Il gres porcellanato effetto marmo è solo una delle soluzioni, in base all’arredo, al gusto personale o più semplicemente facendosi guidare dalle sensazioni si può optare -oltre che per un gres al naturale- per un gres effetto pietra oppure per un gres porcellanato effetto parquet.

Gres porcellanato effetto marmo

L’effetto marmo rappresenta la scelta forse più vicina al gres stesso che ne esalta il carattere materico. Attraverso le sue venature, che creano disegni irregolarmente naturali, si celano storie e percorsi di un materiale compatto ed elegante. Per un ambiente etereo e cangiante che regala sensazioni di quiete allo sguardo.

Gres porcellanato effetto pietra

La pietra è stata per lunghi secoli la fonte primaria di costruzione per l’essere umano. La pietra rappresenta la forza e la sicurezza: un rifugio, un riparo, un materiale resistente che molto si avvicina al marmo per solidità ma che ne differisce perché considerato più grezzo, più irregolare. La pietra ha in realtà già di natura colori splendidi e carichi cromaticamente che, se utilizzati anche in forma di gres porcellanato, possono riempire l’ambiente di toni nuovi, adatti a qualsiasi struttura.

Il gres è ormai un materiale validissimo e a tutto tondo, adatto e adattabile a qualunque esigenza e richiesta.

Pavimento in legno o Gres porcellanato effetto parquet?

Il legame tra legno e uomo è da sempre molto forte. Il legno rappresenta il calore e il focolare, lo associamo spesso al fuoco, alla famiglia e circondarsi di arredi e complementi in legno può essere benefico per il nostro animo rendendo al contempo lo spazio più armonioso. Il gres porcellanato effetto legno non possiede queste caratteristiche naturali. Entrambi competitivi nel prezzo e nella resistenza sono in realtà prodotti molto diversi; va ricordato infatti che mentre il legno è un materiale che diffonde calore, il gres, come ogni ceramica, rimane più freddo al tatto.

La tecnologia avanza e il gres è ormai un materiale validissimo e a tutto tondo, adatto e adattabile a qualunque esigenza e richiesta. Attraverso la propria creatività, lasciandosi trasportare dalle sensazioni la materia può essere modificata e prendere la forma dei nostri desideri, noi di Geos siamo sempre pronti a guidarvi lungo il percorso.

Gres porcellanato effetto marmo
Il Gres porcellanato ha una porosità pressoché nulla, previene qualsiasi tipo di inumidimento ed è tra i materiali con i più bassi valori di assorbimento d’acqua.
Leggi tutto